Meteore

                            Il cielo è così vicino, stasera Gli volto le spalle, non si allontana. Appoggia il silenzio sopra la testa Quant’ inverni devo ancora contare L’attesa non ha pace e sembra vana Sibilando,  sbuca,  divide  il buio da settentrione a meridione una meteora segno dei tempi cade, … Continua a leggere

La mia preghiera

Tutto ciò che chiedo E’ che m’ascolti.. Il tuo disegno Divino fa paura agli uomini   chiedo ogni giorno a Dio Di fare come dico io, son queste le mie Preghiere.   In nessun luogo della terra E neppure nell’universo Posso trovare un Dio intero Manca sempre qualcosa   chiedo ogni giorno a Dio Di fare come dico io, son queste … Continua a leggere

HE

HE – lettera 5 numero dell’autoespressione Osserva la piccola apertura sulla lettera, dalla parte sinistra, in alto. Rappresenta lo spazio attraverso il quale entra in noi la luce di Dio.Il soffio che ha dato all’uomo la vita materiale e quella spirituale per renderlo simile al suo Creatore. Menzionata nella Bibbia: “Ed Egli soffiò l’anima vivente nelle sue (di Adamo) narici.” … Continua a leggere

DALET

Dalet: ‘delet’ = porta. Il farsi piccoli e il piegarsi di fronte allavolontà di Dio sono la porta della crescita dell’ anima. Si tratta della porta attraverso cui si entra nella creazione, nel mondo materiale. Ma è anche la porta di uscita che riconduce verso il trascendente. Tale porta guida alla conoscenza mistica. La sorvegliano delle entità particolari che tengono … Continua a leggere

GHIMEL

  La lettera GHIMEL rappresenta beneficienza e culmine. Il valore della GHIMEL è tre, numero che allude al concetto che due fattori opposti devono mescolarsi per formare una terza entità, perfetta. L’uomo è superiore agli animali perché la sua esistenza non dipende solo dalla partecipazione del maschio e della femmina, ma dalla partecipazione di Dio, Che da all’uomo il suo … Continua a leggere

BETH

La lettera BET rappresenta benedizione e creazione; dualità e pluralità, BET significa casa (BAYT), sono quindi luoghi in cui si ritrova se stessi, l’unità della propria coscienza e l’unione l’intimo ed allude sia al punto più santo della terra, (BET HAMIKDASH, il Tempio di Gerusalemme) sia alla casa dell’uomo, La differenza tra MIKDASH (tempio, 444) e BAYT (casa, 412) è … Continua a leggere

SHIN

In ebraico: Shin. Secondo alcuni rappresentava l’arco che scocca la freccia, secondo altri uno specchio illuminato da fiaccole. L’unità dei Tre nell’Uno. È il geroglifico del desiderare, dello slancio, della ricerca di un nuovo orizzonte. È la grazia che rende attraente l’anima, tramite il suo farsi armoniosa ed equilibrata Numero: Trecento. Numero della sapienza L’alitare del cielo, soffio bianco. Luce … Continua a leggere

Alef

Aleph, la prima lettera dell’alfabeto ebraico, segna la soglia tra il manifesto e l’inconoscibile, tra il segreto e il rivelato, fra il potenziale e l’attuale. Foneticamente è un soffio appena percettibile simboleggia l’elemento aria.La forma grafica della lettera aleph simbolizza la natura infinita ed eterna di Dio. Essa consiste di tre parti.  Numericamente ha valore UNO che meglio di tutti … Continua a leggere

Mem

M. In ebraico: mem. È il geroglifico di ciò che avvolge, racchiude e si schiude, e che plasma o dissolve al suo interno. È la maternità, il mare, il mondo, il cielo; e anche il popolo, la massa di per sé inerte; e il ruolo, le abitudini, le mansioni quotidiane in cui a volte all’io capita di sentirsi imprigionato. È … Continua a leggere