Abbandono

La bambola di pezza conosce l’abbandono supina sotto la pioggia   L’ occhio concavo schiuso  nel sonno addosso  la falce di luna   la bocca asciutta di panno lenci  disegna sorrisi come filigrana stinto sapore d’amore sulle labbra.   il corpo, spettro di paglia, muto ascolta, la terra di pietra sepolto col  velluto rosso   mani cucite nel  gesto lento … Continua a leggere

Dono di cristallo

Ho aperto la mano Ho trovato un dono Caldo e bagnato come una lacrima di cristallo distillata  dal dolore dell’anima Brilla di una luce Più nuova del mattino Più bianca della luna Più trasparente dell’acqua Più calda del fuoco Più solida del metallo Ho guardato quel  dono con le mie iridi cangianti la nuda innocenza scolpita nella materia. In quella … Continua a leggere

Paure

   Paure   Dirigo un’orchestra di paure, se ne stanno lì, tutte di fronte a me… Fantasmi come fiati sospesi, spiriti forti come tamburi Devo stare ferma, aggrappata alla mia bacchetta che sventolo come in un duello col vento. Se indietreggio loro avanzano e mi sovrastano.        Hanno voci stonate e stridenti… cerco di disciplinarle dietro lo spartito di una flebile … Continua a leggere

Cieca

Non ho occhi per capire il tuo disegno: dai e togli falci e germogli uccidi e sfami rigetti e accogli. Morte e resurrezione hanno lo stesso volto che non vedo. Sono nelle tue mani io a Te mi affido. Abbi pietà della mia cecità che mi fa dubitare di Te. Custodiscimi nella fede che sia luce dopo le tenebre, così sia…    … Continua a leggere

Mare di notte

Fa quasi paura il mare di notte… Tutta quell’acqua nera che sembra petrolio, lucido e oleoso… Mi aspetto pure di sentirne l’olezzo ed invece no… Profuma ancora di mare…  quel salmastro che tocca le corde della mia nostalgia fanciulla… Le onde diventano righe bianche che si muovono qua e la… stanche… Come se l’acqua nera della notte pesasse di più… … Continua a leggere