Idolatria d’infinito

ad3aeae13383edcd05f390678485e4b0.jpg È solo idolatria d’infinito

Questo mio cercare l’universo

A sud-est della neve d’ agosto.

 

Aspettare un treno

che non transiterà per me e mai

su binari stesi come cadaveri

 

pensare al senso delle cose

come a fantasmi capovolti

di un niente srotolato sulla ghiaia.

 

 abbracciare l’aria pura

senza più ossigeno, come quella di marte

ma qui sulla terra dei santi.

 

Amare uomini nudi d’eternità

vestiti di gesso e profumati di sandalo

illusi da un per sempre finito

 

E’ solo idolatria la mia

Idolatria d’infinito..

Con la morte annunciata

il giorno che m’hanno regalato la vita!

 

Idolatria d’infinitoultima modifica: 2009-09-10T22:52:00+00:00da darumafly
Reposta per primo quest’articolo

14 pensieri su “Idolatria d’infinito

  1. E’ solo un esagerato modo di adorare l’infinito, amarlo a tal modo per sfuggire da una realta che sa di vita, che sa di buono e di cattivo e dove noi abbiamo bisogno di trovare un sano equilibrio
    Idolatria d’infinito per cercare e vedere oltre…con la consapevolezza che la vita e’ altro e probabilmente ha piu’ il diritto di essere amata
    ciao buon fine settimana

  2. …l’inizio della vita…difatti, genesi della sua stessa fine…che noi scrutando come un miraggio nel deserto, la prevalichiamo…superiamo…nell’ipotesi della ricerca di quell’appagamento interiore mai soddisfatto…nel tentativo di riempire quel vuoto…giammai colmato…e ci prostriamo dunque dinanzi a quell’idolo dinanzi all’altare dei sacrifici…sul quale abbiamo deposto la nostra stessa vita…perché sia consumata dalla ricerca del di più…del non finito…dell’assoluto…mentre gli odori acri di anime struggenti…nel crepitìo del fuoco…di certo fuoco…salgono al cielo!
    Ti abbraccio…

  3. Bello ricercare l’infinito in quello che ci circonda, specialmente nella natura, alla ricerca di quella luce capace di illuminare anche la nostra anima, ma che non sia un ossessione che ci porta a non vivere poi nella realtà.

    Un saluto Fly e buon inizio settimana!

  4. Hai partecipato all’iniziativa letteraria su “La cura” in Enjambement: ci sono notizie per te oggi e nei prossimi giorni sul mio blog.
    Cristiana

    E’ la struggente precarietà
    dell’esistere che non toglie
    bellezza all’illusione
    dell’essere
    ciò che anima
    forse un infinito sperato
    che l’umano
    non conosce esperito
    Cristiana per Fly

  5. Nella nostra nascita è insita la nostra morte… come nella fine sta il principio.
    Qui sei pura filosofia dell’anima…
    Cosa cerchi nell’infinito? Perché lo idolatri?
    Io credo che in noi sta l’eterno conflitto fra la mortale finitezza e questa innegabile propensione all’eterna immensità.

    Grazie per quello che mi scrivi. è proprio così. La vita non ha mezze misure. Non per me.

    Ti abbraccio

    Daniel

Lascia un commento