Uno, due, tre…. Stella!!!

f52fde52c1470439847a18c4e8e6194e.png La fede dovrebbe unirsi con la luce dell’alba e del tramonto, con  la nuvola che vola sulle ali del vento, con l’uccello che canta e i profumi dei fiori…

Ralph wardo emerson

 

Una bimba dai capelli scuri, occhi dolci e luminosi… spalanca lo sguardo  alla voce “Stella…“ che gridava dentro… e si  vedeva fuori…

La sua gonnellina a pieghe accompagnava le gambe incrociate come un gioco di barchette di carta, disciplinata da dita cucciole,  che strisciano  i margini della piega  e ad ogni mossa cambia forma e colore…  strano destino di pagine di rivista mai letta…

Sa cosa otterrà da quell’antico  gioco di carta, ma ogni volta la bambina ostinata, spera  che all’ultima mossa esca qualcosa di nuovo… di magico …

Ed ecco, una nuova barchetta… uguale alle altre… eppure confidava fortemente in quell’ultima piega che con grande impegno, maestria e con tutto il calore delle sue manine volevano infondere mentre percorrevano il senso della carta… prima verso l’alto… poi verso il basso… e di nuovo verso l’alto… come una fata muove la sua bacchetta magica lungo l’incantesimo,  affinché potesse compiersi finalmente… la differenza!

Così, come quel gioco, che  illuminava ora,  il suo  sguardo di bimba… in quel preciso istante…

“Stella…”  quante volte avrebbe voluto che “Stella.. “

aprendo gli occhi non vedesse soltanto la sua amica perdere l’equilibrio di ballerina  in bilico su un improbabile piedistallo… voleva vederla danzare come un fiore mosso dalla brezza del mattino… di petali di tulle e alzarsi leggera volteggiare su stessa come una bianca farfalla…

…E “Stella…”  anche lei voleva che quando la sua amica  avesse chiuso gli occhi a contare il tempo fermo… lei potesse farlo volare  e trasformarsi in una dea… dell’olimpo… la dea dell’amore… la più bella… la più desiderata… Venere con gli abiti struscianti tra la pelle trasparente… tra morbidi pensieri per trasformare il mondo in  luci rosa come luminose aurore…

Quella bimba, ogni volta che giocava, ci credeva… credetemi… lei ci credeva… e quel gioco le piaceva da impazzire… e non la frustrava l’idea che non sarebbe mai accaduto nulla di simile…

Lei ci credeva e basta… ed era la forza di quella fede… ad illuminare i suoi occhi e riempire la sua anima di colore… a farla ridere di nulla, entusiasta di tutto… a compiere con la forza di un rito ogni gesto sempre uguale del gioco… è quella fede a distinguere la bimba dalla sua mamma… a distinguere il gioco  dalla vita…

Ad ogni gesto la bimba celebrava il suo miracolo… viveva il suo credo… e tutto il resto…

Del mondo dei grandi… delle cose sempre uguali… sembrava non curarsene…

Mentre strappa i petali della margherita… che svolazzano ai suoi piedi tra le scarpe nere di vernice  e le calze corte di pizzo bianche leggermente storte su stesse traforate tra la pelle ambrata di sole e di giochi…

 51e1b58eb1ca8d884850dc883f3780c7.jpg

Uno, due, tre Stella… alza gli occhi e ti scruta… coi suoi grandi occhi cuccioli…

Fermati un’istante e guarda la tua parte “bimba…” guardala dritta negli occhi…  e accarezza con lei

i suoi sogni più veri…

 

Solo chi ha fede in se stesso può essere fedele agli altri (Erich Fromm)

Uno, due, tre…. Stella!!!ultima modifica: 2008-01-03T10:42:31+01:00da darumafly
Reposta per primo quest’articolo

44 pensieri su “Uno, due, tre…. Stella!!!

  1. XRef, grazie Ref, cercherò di guardare ogni giorno negli occhi quella bambina…
    XBiby, benvenuta o benvenuto…
    XFrancesco, sei sempre molto caro…
    XRobby, Uno, due, tre… Stella… non ci crederai… ma non ho mai smesso di giocarci… ti dirò ci credo ancora di più… vedi quanto sono ostinata…

    Un sorriso…

    Fly

  2. …Con vivo piacere leggo una pagina tanto bella…Un nuovo incontro da te…nei tuoi pensieri che scorrono tra le pagine sfogliate dei libri dei bambini…Bel tempo, quello fanciullesco, allorchè il gioco non era contaminato da pensieri e turbamenti che scorrono nelle menti degli adulti…
    facciamo sì che i bambini vivano da bambini l’età del bambino…

  3. Generalmente non lascio commenti, probabilmente perchè non mi sento all’altezza di farlo, Ma per queto blog che non è la prima volta che visito, oltre a non esitare nel farlo provo un gusto speciale come in tutti i blog che parlano delle cose BELLE della vita; cosa esiste di più bello e di più puro di un bambino?
    Nuovamente auguri. Salutoni e alla prossima.
    Karletto

  4. ero già passata ed avevo lasciato il mio commento, ma a quanto pare ultimamente Alice mi odia e si mangia i miei commenti… vabbè io e alice non andiamo molto d’accordo… comunque il post è splendido… bacio e di nuovo buon anno… vola vola farfallina 😉

  5. X Ossidiana: Hai ragione… a volte è così difficile prendere contatto con la nostra parte più autentica.
    X lisa: il tuo commento è molto affettuoso…
    X Baronerosso1: è bello poter tornare bambini… almeno col pensiero…
    X Karletto: il mondo bambino è una cosa meravigliosa… non dimentichiamocelo mai…
    X leopold bloom i bambini ci incurioisiscono quando ci dimentichiamo che in fondo lo siamo anche noi..
    X mai.esistita grazie per gli auguri e gli incoraggiamenti…

    Un caro saluto a Tutti!

  6. Molto bello..guardarsi dentro è meraviglioso..si possono scoprire sensazioni che il crescere e diventare adulti hanno soffocato…e un periodo che lo sto facendo ogni giorno..e non ci crederai…ma è sosprendente quello che mi sta capitando..
    un bacio..e stasera che dici iihihihihi
    “raduno” ahahahah

  7. Una semplice verità tanto difficile da attuare quando siamo adulti eppure è proprio questo che dovremmo fare del nostro cuore bambino, usarlo per non vedere gli impedimenti che i grandi vedono, sentirlo forte battere dentro e credere che ogni cosa sia possibile. E’ il primo e forse anche l’unico passo perchè ogni sogno possa avverarsi, bellissimo post, dipinto con la tua sensibilità. Un abbraccio.

  8. Di certo i bambini sono la “prima meravigia del mondo”. Piccole “cose” perfette. Osservarli in giardino dietro la finestra macchiati d’erba, illuminati da mille espressioni, lasciati al sole e ai grilli… Quanto seri e innocenti vederli a lavoro…

  9. E’ la prima volta che passo sul tuo blog, e ho trovato questo post davvero bellissimo. Sarà perché anch’io sono un’eterna bambina nell’anima, ma mi piace trovare qualcuno che vive le mie stesse sensazioni e i miei stessi ricordi, s’illumina e s’incanta per le stesse cose per cui m’illumino e m’incanto io. Visto che scrivi da un po’, devo ritagliarmi un buon momento per venirti a leggere dall’inizio. Ciao!
    Laura

  10. Un, due, tre, stella
    non mi sono mossa. Sono rimasta ferma…
    è una posa plastica e bella
    Da bimba a bimba:
    “lasciamo per inseguire un sogno
    per un attimo la terra”
    in cielo
    stella io, tu stella.
    Cristiana per Fly.

    PS grazie per il tuo apprezzamento.

  11. Xdelfino, ci credo Delfino… si sente e si vede dalla carica vitale che sprizzi da tutti i pori.
    XWolfghost, sono felice per il momento di commozione.
    XGabry, sei simpaticissima, grazie per la bambolina
    XRobby Certo che accetto, il blog è tuo… in realtà ho cercato di ricordare se avessi involontariamente scritto qualcosa che potesse urtare la tua sensibilità o che potesse dare adito ad interpretazioni scorrette, visto la delicatezza del post.
    XElena sermpre molto profonde e di cuore le tue parole…
    X FrancescoForever certo che rimango nel tuo cielo…
    X ludos il lavoro dei bambini è così importante…
    X Laura grazie, le anime affini si riconoscono .
    X Cristiana grazie per la speciale dedica.
    X Fiore un pensiero alla cosa più importante che abbiamo…

    Sorrisi
    Fly

  12. e stato bello trovare un tuo comento.
    Grazie di cuore per averlo fatto..
    Mi dispiace,le mie parole un po pesanti forse…
    Il fatto è che non è facile venir fuori da situazoni difficili..
    stavo solo scoppiando..
    tutti abbiamo bisogno di farlo..ogni tanto toccare il fondo per risalire..
    e che a volte ho paura di non risalire e mi dispero..
    una volta non era così..ora mi trovo in una situazione particolare..
    ma spero di farcela con tutte le mie forze ad essere felice…
    ti abbraccio forte..
    lisa.

  13. XNotimetolose: bello! mi ricordi la mia professoressa di matematica… una grande!!! Portava quasi sempre quelle calze… e sentivo che lo faceva per esercitare l’autenticità,l’orgoglio, la libertà, la forza di un bambino… pur nel pieno della sua maturità!
    XMai, si hai ragione, è proprio il bello dei post… ognuno a seconda del suo momento da un’interpretazione diversa… infatti io non l’ho scritto con rammarico, il fatto di non capirne a fondo lo spirito con cui l’hai scritto… ma per divertirmi ad assaporarne ed indovinarne le diverse sfumature…
    XLisa , dolce Lisa, ci sono momenti nella vita in cui ci si sente così in basso da dubitare una possibile salita…
    Ma proprio in quel momento che si scoprono dentro di noi risorse inaspettate che ci fanno sentire più forti!!! Ti abbraccio forte…

    Fly

  14. X dryeyes il tuo commento è molto stimolante…
    X Massimo solo i fanciulli credono di poter volare…
    X Biby sono felice che tu sia tornata…
    X Robby, non ci conosciamo ma sento un forte senso di perdita… una lacrimuccia…
    X Lisa, grazie per la conferma… mi fai coraggio…
    X Francesco, preziosa è anche la tua presenza…
    X Lupo161, gli occhi trasparenti di un bambino… che bello…

    Sorrisi…

  15. Cara Fly… è bello rileggerti… nella tua profonda sensibilità che non nasconde la parte bambina… nulla di meglio per iniziare l’anno.. che guardare i propri occhi come fossero quelli di un bambino.. dal mio angolo.. nascosto come un bambino tra i rovi.. ti auguro un anno senza dolore.. un anno di sorrisi veri.. quelli che fanno respirare il cuore.

    Sono appena tornato dalla Bretagna. Stanchissimo. L’oceano mi ha fatto riflettere ma non mi ha aiutato a mettere i pensieri in ordine. Sono sempre sparpagliati sul pavimento del mio cuore… voglio sperare in un anno.. solo e soltanto leggero…

    Ti abbraccio

    Daniel

  16. X dryeyes intendevo dire che volevo metterti tra i blogs amici…
    X Robby ….. uno, due tre… stella!
    X Daniel vorrei vedere uscire dai rovi i tuoi occhi felici di bimbo…
    X brainstorm e a volte per ricaricarci… è bello ricordare la forza dei sogni fanciulli…

    Grazie a tutti!

  17. Molto profondo e molto vero il significato di ciò che hai scritto. E’ difficile cercare la purezza del bimbo che è in noi quando gli “altri” ti vogliono adulto e disamorato: ma non è impossibile! Guai a dire, al giorno d’oggi, che sei sognatore, poiché potresti “volare”, mentre gli “altri” ti vogliono con i piedi ben piantati per terra. Il tuo racconto insegna, tra l’altro, che bisognerebbe fare come quella bimba, celebrare attimo per attimo quel miracolo intimo incuranti dell’approvazione o meno degli “altri”.

    Bel giorno

Lascia un commento