Lo Scrigno…

55d714ec9811235e9943938dfe1e5e20.jpg Si racconta che gli Dei, stanchi dell’arroganza degli uomini, per punirli, tolsero loro lo scrigno che conteneva i doni più belli a loro

fatti:  l’amore, la serenità, la pace, l’essenza delle cose…

Tuttavia, per non danneggiare troppo le loro creature,

decisero di nasconderlo dove solo con grande fatica potessero trovarlo:

lo misero in fondo al loro cuore…

Da allora molte persone nascono, vivono e muoiono

nella vana ricerca del prezioso scrigno.

(da un’antica leggenda greca)

 

 

 

Fiorello Cagnetti “Un pensiero prezioso da ricordare” (olio 55X70)

 

Sono come un atomo di materia stabile a cui hanno somministrato energia

ed il  passaggio al quanto successivo è stato un passo obbligato….

Il primo passo  del viaggio… il viaggio alla ricerca di me stessa in un’orbita di consapevolezza superiore… perché ricerca è consapevolezza… è allontanarsi per arrivare al centro… In quel sottile confine che c’è tra fuga e ricerca… (frase di  Elisa, nel suo post omonimo)

Sto percorrendomi come fossi terra inesplorata, nei pensieri, nel corpo, e nell’anima…

Forte è il senso del cammino, mi si ripropone ogni mattina quando i pensieri liquidi prendono forma… quando il mio corpo torna a sentirsi parte del mondo… e la mia anima comincia a respirare speranze…

Non so quale scintilla di luce… quale sensazione della mente… quale senso

di percezione mi abbia consentito di intravedere in fondo al mio cuore quel misterioso scrigno…

Non sono ancora riuscita ad aprirlo, ma ne intravedo il contenuto…

Come un viandante che intravede nuovi moti dell’anima attraverso la visioni di nuovi paesaggi,   imparo a conoscere la sottile differenza tra subire le cose o attraversarle tra incoscienza e consapevolezza, tra il conscio ed il subconscio, tra essere o farne parte,  tra respirare per vivere e respirare la vita…

…Ed intorno allo scrigno, il sé… il vissuto… come giochi di bimbi…

Come in fondo al mare… un mondo sommerso… dove non ci sono ombre… perchè tu stesso sei la tua ombra…

Nel mio viaggio posso tornare ad incontrare la Fly bambina con sue lunghe trecce…darle la mano ed ascoltarla… ora la vedo… e mi sorride…   Quella bimba mi  prende entrambe le mani unisce i suoi  piedini con le scarpe di vernice nera con i miei..  e si lascia andare abbandonando il suo  peso a me  e ai piedini puntati…fiduciosa che io la possa sorreggerla e comincia a girare,  girare…ed io con lei… sempre più velocemente ora il movimento è vorticoso… lei lascia cadere la testa all’indietro ridendo e spalancando le iridi…  Qualcosa mi impone di fare lo stesso… e tutto diventa vortice… di sensazioni… ricordi… emozioni.. lacrime… gioie… timori… paure… dubbi… solitudini…  giochi…   incantesimi… immagini che scompaiono… ricompaiono…  colori… bianco… nero… luce … buio… saette…e poi … il silenzio……….. Lo Scrigno……..

Lo Scrigno…ultima modifica: 2008-01-28T20:08:14+01:00da darumafly
Reposta per primo quest’articolo

46 pensieri su “Lo Scrigno…

  1. Come mi ha intenerito,e rattristato,l’immagine della me bambina che si affida all’adulta che sono diventata…ho tradito in parte le sue speranze e la sua fiducia
    Ho imparato che non esistono assoluti su questa terra,e questo lei voleva
    Però posso raccontarle adesso un sacco di storie,descriverle la terra che ho strappato all’ombra,regalarle la libertà che abita nell’anima
    E continuare a far fiorire dei sogni,che guidano gesti,perchè la amo
    Senza interrompere quest’avventura,di conquiste e di disfatte,di paura e vergogna,di gioia pura,di avida ricerca,perchè questo è il solo senso che ho trovato
    Anche tu parli di uno scrigno…no,non mi dà fastidio che mi citi,anzi,le parole sono simboli,e alcune riescono ad esprimere in modo perfetto ciò per cui sono nate,scrivere è volerle regalare al mondo,perchè siano di tutti, e se le persone si ritrovano vuol dire che forse si è riusciti a entrare in quell’universalità che ci appartiene,conosciuta ai poeti…l’unica cosa a cui tengo è il riconoscimento,
    ma questo per il debito che ho ancora con quella bambina…
    un bacio
    Elisa

  2. Come mi ha intenerito,e rattristato,l’immagine della me bambina che si affida all’adulta che sono diventata…ho tradito in parte le sue speranze e la sua fiducia
    Ho imparato che non esistono assoluti su questa terra,e questo lei voleva
    Però posso raccontarle adesso un sacco di storie,descriverle la terra che ho strappato all’ombra,regalarle la libertà che abita nell’anima
    E continuare a far fiorire dei sogni,che guidano gesti,perchè la amo
    Senza interrompere quest’avventura,di conquiste e di disfatte,di paura e vergogna,di gioia pura,di avida ricerca,perchè questo è il solo senso che ho trovato
    Anche tu parli di uno scrigno…no,non mi dà fastidio che mi citi,anzi,le parole sono simboli,e alcune riescono ad esprimere in modo perfetto ciò per cui sono nate,scrivere è volerle regalare al mondo,perchè siano di tutti, e se le persone si ritrovano vuol dire che forse si è riusciti a entrare in quell’universalità che ci appartiene,conosciuta ai poeti…l’unica cosa a cui tengo è il riconoscimento,
    ma questo per il debito che ho ancora con quella bambina…
    un bacio
    Elisa

  3. Il viaggio interiore è il più sofferto..ma il più dovuto a noi stesse per non tradire le bambine in noi..piene di futuro inesplorato…
    Il mio è iniziato tardi..molto..e lo sto facendo con un bagaglio duro..pesante..spesso devo riposare la stanchezza..ma già intravedo le luci di casa..la mia anima..mi attende per accoggliere una viaggiatrice,forse disillusa,provata..ma vera..una donna nuova che si ricongiunge a una parte segreta di se..si abbraccieranno riconciliandosi , godendo i frutti del sapere,,nei tramonti della vita…
    un bacio
    bellissimi come sempre i tuoi post..unici..

  4. Cara Fly…. il tuo viaggio dentro te stessa mi emoziona come il più bel racconto di un viaggio meraviglioso… Credo che già volere arrivare sul fondo, già potere intravedere lo scrigno.. è sintomo di una straordinaria capacità e volontà di indagare emotivamente te stessa… una cosa rara.. Che io ad esempio, in parte rifuggo… per paura? Forse sì…

    Il commento al “Finistère” mi ha lasciato senza parole… grazie .. grazie…

    Daniel

  5. Ciao essere volante
    è emozionantequesto tuo planare, a ritroso nella vita.
    In fondo al cuore c’è lo scrigno, ma per arrivarci si devono attraversare vicoli oscuri, dove ci sono cose che abbiamo voluto rimuovere dai nostri ricordi, piccole cose e grandi tragedie, per cui spesso abbandoniamo il percorso e ci fermiamo in superfice.
    Ci sono tutte le cose, scelte, che per vigliaccheria o per incapacità non abbiamo voluto e non vogliamo affrontare. L’esempio che dai, spero venga vissuto anche da altri, … e chissà forse il mondo sarà migliore.
    Ti saluto con il solito augurio, che per me, amante del volo ha un grande significato
    Che l’aria possa sempre sostenere le tue ali
    GIANPAOLO

  6. E’ una vita che cerco lo scrigno…che contiene l’amore, la serenità, la pace, l’essenza delle cose…
    e se lo trovo a volte a volte non ne ho la chiave e se penso di avere la chiave mi accorgo che quella apre altri scrigni e solo uno dei doni promessi vi trovo, mai tutti insieme.
    Ma sono grata agli Dei che hanno lasciato agli uomini la Speranza.
    Cammino con lei fiduciosa di chiave in chiave, di scrigno in scrigno…d’errore in errore, di giorno in giorno.
    Ciao Cristiana

  7. X Oasi grazie per l’apprezzamento.
    X Fiore, ti ringrazio di cuore, per avermi prestato l’immagine della tua opera…
    X Elisa è bello riconoscersi in un universalità che ci appartiene, è forse anche il senso profondo del pubblicare i nostri pensieri.
    XDelfino, buon viaggio… siamo tutti viandanti ognuno su strade diverse… che in fondo sono le medesime…
    XDaniel , non credo tu possa sfuggire a questo percorso… e penso pure che tu sia già molto avanti… nel viaggio…
    XSofia, ciascuno di noi a proprio modo intraprende questo viaggio in maniera più o meno consapevole…
    XGianPaolo, il volo e l’immersione per me sono molto simili, cambia solo la densità del mezzo in cui dobbiamo abbandonare il nostro controllo…
    XCristiana , c’è molto da esplorare e conoscere, un intero universo!
    XGoccia, bello riconoscersi nei pensieri… che prendono forma…
    XRefusi, vivere un universo… e non conoscerlo… eppure ci appartiene nel profondo.

  8. Lo scrigno che c’è in fondo al nostro cuore è un contenitore dove custodiamo con amore i sentimenti piu’ belli , i segreti che ci fanno sorridere e ci danno forza quando siamo in difficolta’, vere ricchezze , essenza e qualita’ della vita , di esperienze selezionate e conquistate spesso con il dolore, che superato ti regala la ricchezza piu’ grande quella di te stessa, inoltre l’ho appena scritto a Laura ( ilsoledilaura)e cosi’ mi colego a cio’ che ho appena scritto a lei, la qualita’ della nostra vita dipende dalla qualita dei nostri amici , delle nostre esperienze e dall’intelligenza di farne Tesoro e soprattutto di saper trarre il positivo che c’è in ogni situazione
    Continuiamo a cercare nella nostra vita (il tesoro)ma solo le grandi fatiche ci conducono ad esso, la fatica che facciamo in questo mondo superficiale per seguire la strada del cuore perchè è l’unica strada giusta che ti guida a scoprire la magia della vita
    un abbraccio affettuoso , Alessandra

  9. E’ importante curare e salvaguardare quel prezioso scrigno che nascondiamo in fondo al cuore, perché in fondo il tesoro che cela è fatto della stessa sostanza di cui è fatta la nostra anima, di cui è fatto il nostro pensiero, di cui sono fatti i nostri sentimenti.

    Buona serata, cara Fly… a presto
    Laura

  10. Questo scrigno misterioso e prezioso, nascosto nei nostri cuori che, ogni giorno, ci sembra di poter raggiungere ma, inevitabilmente, quasi al traguardo, le strade che ad esso conducono diventano sempre più intrecciate e tortuose che, sembra sempre di ripartire da zero.
    E’ il nostro viaggio interiore, sempre alla ricerca dei doni contenuti nello scrigno, ci fa, comunque, arricchire di nuove esperienze e di nuove emozioni.
    Ciao un saluto

  11. X Ossidiana, concordo, queste tele ispirano molto…
    X dawoR***, benvenuto
    X Biby, concordo e ricambio il sorriso…
    X Alessandra, si può trarre il positivo da ogni esperienza, anche se complessivamente negativa e farne Tesoro…
    Nello scrigno ci sono anche le nostre potenzialità inesplorate ed inespresse…
    XLaura certo la nostra essenza…
    XGabry: Hao proprio ragione, hai colto nel segno… più si avvicina al nocciolo e più le strade diventano intricate ed incomprensibili… e spesso l’dea è di allontanarsi proprio quando sembri ad un soffio …
    XLupo: non si ha il coraggio di indagarle, perché una volta esplorate, bisogna mettersi in gioco…

  12. Cara Fly…
    gli estremi… in questo momento.. mi permettoni di vivere il mio tempo… Come se solo toccandoli potessi trovare una dimensione abbastanza ampia… Mi sento espanso e microscopico allo stesso tempo… lo so che è strano…
    E’ molto bello “scambiare” con te sai?
    J’ai ecrit madamoiselle….
    Daniel

  13. quello che hai scritto ha in sé una forma indefinita per il nutrimento dell’anima. leggerti è stato come “respirare la vita”.

    questo viaggio, questo cammino, questo tuo inoltrarsi nell’estasi è come un volo sciamanico che va incontro… a recuperare frammenti d’anima perduti.

    1inchino ai tuoi pensieri

  14. Sì ricordo bene questo racconto dello scrigno, gli dei avevano nascosto tutti i sentimenti e l’uomo li cercava girando il mondo alla ricerca del luogo dove fossero custoditi … non li trovò mai fino a quando non si rese conto che erano proprio lì dove non li aveva mai cercati, nel suo cuore 🙂 quanto tempo perdiamo a cercare all’esterno ciò che è dentro di noi Fly, ti voglio bene, un forte abbraccio ^_^

  15. Buongiorno Fly.
    Come te (come tutti?) anche io sono alla ricerca del mio scrigno… vedo come solo congiungendo la mia mano a quella di un altro riesco a sollevarne il pesante coperchio. Se mi fossi espresso in questi termini, più delicati, avrei reso meglio il senso del mio post. Il termine “collezione” che ho usato è infelice, perchè da per scontato che non ci si preoccupi di quello che pensa “la farfalla collezionata”…. ma il bello sta proprio nel ripetere cose note, con animo differente. E in questo caso, non ci sono parole pronte per dscrivere modi diversi di vivere… Ma tu puoi sentire senza troppe parole.
    Un abbraccio.

  16. X baronerosso1, sembra che alla società attuale dello Scrigno poco importa… anche perché non si può vendere al supermercato…
    X Fiore, buon tutto a Te, caro Fiore…
    X sofia buon tutto anche a Te, dolce Sofia…
    X Daniel io intendevo dire che ho capito quello che hai scritto… ma cosa significhi per te vivere gli estremi… credo solo tu possa rispondere…
    X Giuseppe, bell’aforisma passerò a leggere il post integralmente…
    X il tuo apprezzamento e la sfumatura che ha evidenziato mi lusinga profondamente.
    X dryeyes Come scrive Elena cerchiamo sempre la soluzione fuori da noi ed invece…
    X Elena ho sentito quel tuo… ti voglio bene… così partecipato che mi ha strappato una lacrima di commozione… un abbraccio col cuore…
    X Robby, sembra un controsenso, ma concordo con te, avvicinarsi agli altri, in maniera profonda ed empatica è un modo per entrare più intimamente nel proprio sé ed intravedere le possibili combinazioni per aprire lo Scrigno…

    Vi abbraccio Tutti…
    Fly

  17. Ah! Bellissimo questo tuo post, Fly! All’inizio mi ha dato proprio l’impressione di una rinascita appena compiuta, dove tutto è di nuovo nuovo (scusa il gioco di parole :)). Come se davvero fossi morta e tornata alla vita in un mondo dove nuovamente tutto è da scoprire.
    La fine del post mi ha dato invece l’impressione che questa rinascita sia già più vicina alla soluzione di quanto non fosse arrivata ad esserlo tutta la tua vita precedente… Perché vivere è quello scrigno.

    p.s.: molto bello anche il dipinto! 🙂

  18. Eccomi ,sono ritornata per leggere la tua pagina ..poetica. Mi accompagno a te in questo viaggio dentro di noi, esplorando e rcercando lo scrigno prezioso ..L’amore, la serenità e l’essenza delle cose..Sai Fiore, forse, credo che questi sentimenti , li abbiamo ricevuti da piccoli. Li coltiviamo come fiori ,e ogni giorno, cerchiamo di viverlo con serenità., perchè forse ,con la saggezza degli anni , abbiamo capito l’essenzialità delle piccole cose..che ci fanno stare bene!.e questo ci permette poi, di apprezzare la vita ..con serenità. E’ stato bello sostare in tua compagnia..C’è un senso di pace!..Ti auguro una dolce sera! Dora

  19. Avere il senso del cammino e della ricerca da un significato alla vita. Se poi si ha anche la sensazione della crescita allora, forse, ci si può sentire soddisfatti di sé. Anch’io spesso penso a me stesso bambino ma mi sembra quasi di rivolgere il mio pensiero ad un’altra persona.

  20. Cara mia… i tuoi commenti arricchiscono sempre.. (per non parlare delle tue mail.. I’ll answer soon).. Molto interessante quello che dici sul paragone con il taoismo. Io credo ci sia molto da imparare dalle antiche tradizioni.. che guardavano più dentro che fuori di noi.. e che non mettevano certi limiti e barriere… tra il fuori e il dentro.. essendo noi parte della Natura.. Così, lo scorrere delle stagioni non è una semplice metafora che sta per lo scorrere interiore della nostra vita…ma è molto di più.
    Come sai ormai, per vari motivi, io sono molto legato alla tradizione spirituale celtica.. che sento molto mia.. e che mi dà molto in termini di consapevolezza… spesso ho trovato in essa, passaggi, pensieri e sensazioni che già erano presenti dentro di me da tempo…
    Ti abbraccio forte cara amica
    grazie grazie grazie
    Daniel

  21. X wolfghost : è un’ osservazione molto saggia “Vivere è quello scrigno”
    X Lupo161 Buona tutto anche a Te!
    X Dora, grazie Dora per il senso di pace, parole molto preziose, mia hai donato…
    X anam, anch’io ho spesso questa sensazione, e come si legge nel post Fly bambina e Fly sono 2 persone diverse…
    X dream_man69, Il percorso inizia da noi per arrivare agli altri… Ottima linea guida!!!
    X Daniel, fuori e dentro microcosmo macrocosmo… sto incominciando a vedere tutto come un ologramma…
    X notimetolose, certo, ho anch’io un bel da fare per preservare lo scrigno dalla corrosione…
    X Laura, un salutissimo anche a te…
    Chiedo venia a tutti, se le mie visite nei vostri blogs e la scrittura dei miei posts, non hanno la frequenza che desidererei, ma il mio tempo… è un disastro

    Fly

  22. Cara Fly… con le tue parole mi cullo nel pensiero che esistano davvero persone come te… è banale, lo so, ma è ciò che penso. Questa sensibilità trabordante ma aggraziata, che scava senza invadere, mi lascia sempre un sorriso nel cuore. I am answering…
    kiss
    Daniel

  23. accetto il tuo consiglio e vago nell’universo con una chiave in mano…in cerca di non so quale scrigno, ma intanto qualcuno ne ho trovato ed aperto…uno ad esempio in alto su un lato aveva il ritratto d’un bambino dormiente, il re dei sogni e in esso ricorreva il nome del volo…:-)
    Cristiana

Lascia un commento