Voglio solo l’anima.

1019007481.jpg

Alla fine chi siamo?

Molecole farneticate,

lanciate in uno spazio inquinato da idolatrie,

come atomi ci dividiamo ogni volta,

senza guardarci in volto.

Mostriamo legami senza raccontarci,

ci sfioriamo nell’affanno:

contatto minimo,

consumiamo  affetti:

merce in scadenza ,

non sopravviviamo alla fretta

che calpesta appetiti,

distratti da riflessi in vetrina,

confezioni regalo finte,

vuoti a perdere.

Si inciampa in noi, per sbaglio e per poco

capricci, insieme a bolle di sapone.

La vita è solo un eccesso di troppo

ed una totalizzante mancanza di nulla,

 fagocita ore come countdown

di un eternità finita.

Riduciamo  spazi e lanciamo pensieri

lungo fibre ottiche

abbracciamo sms

carne cibernetica.

Incontriamo nick

simulacri di umanità,

surrogati di presenza,

ormai obsoleta negli  spiriti

anestetizzati

da droghe via etere,

solo slogan pubblicitari.

come all’inizio che importa chi siamo?

Tanto ,domani, tutto daccapo!

 

…Voglio solo l’Anima…

Voglio solo l’anima.ultima modifica: 2008-10-12T16:31:10+02:00da darumafly
Reposta per primo quest’articolo

35 pensieri su “Voglio solo l’anima.

  1. SEi fantastica.
    Hai detto cose che pensavo da una vita, ma non sono mai riuscito a scriverle in modo così diretto e reale.
    Leggo molto disincanto per quello che siamo qui e ora.
    Ma tanta speranza riposta nella nostra vera essenza: l’anima.
    un enorme abbraccio
    Daniel

  2. hai descritto alla perfezione ciò che siamo…siamo esseri Finiti nell’Infinito e per questo cerchiamo l’anima che è dentro di noi, quell’anima che è parte dell’Amore Infinito…solo in questa realtà ci possiamo sentire vivi ed appagati nel corpo, in quell’Amore che ogni cosa muove e penetra…le tue parole sono già parte di quell”anima…molto belle…ciao, un bacio

  3. Bellissimo post, Fly 🙂
    Dici bene: “come all’inizio che importa chi siamo? Tanto ,domani, tutto daccapo!”.
    Purtroppo migliorare la tecnologia non significa necessariamente migliorare noi stessi; la tecnologia e’ solo uno strumento, puo’ essere usato correttamente – e allora e’ molto potente – o impropriamente – e allora amplifica i nostri errori. Che all’enorme sviluppo tecnologico non abbia corrisposto un eguale sviluppo umano, non e’ purtroppo piu’ un segreto…

  4. Vuoi solo l’anima… mah.. in fondo poca cosa no?? eheheh!!! Bellissimi questi versi… e in un passaggio… graffiante… molto… e con una capacità di sitensi come pochi altri.
    Non commento la foto… ovviamente… fanatstica
    Sul fondo ci sono le orme??? :-))
    Ciauzzzzzzzzzzzzzzzz

  5. E’ quel senso dell’inafferrabile e dell’ineffabile che è in ognuno di noi. Non riusciamo ad esprimerci eppur parliamo, ci sentiamo soli e siamo circondati. Ma ogni molecole è un essere, è viva e crea legami, sottili, forse contorti.
    Buona serata Fly…

  6. alla fine cosa siamo?
    siamo contenitori che si riempiono di tutto e di nulla
    le tue parole sono dure ma vere
    e la verità non è quasi mai leggera

    l’anima
    quell’essenza di noi che tutto riempie

    è molto “forte” questo post
    sai, la magia che gli altri vedono è proprio quella che gli altri ci regalano
    diventiamo speciali nel momento in cui qualcuno ci dice che lo siamo
    ne prima
    ne dopo
    e speciale è chi ce lo dice

    uno specchio fly
    io sono speciale
    tu sei speciale

  7. non sono quello che mi hanno raccontato
    non sei quello che ti hanno raccontato
    e raccontano senza sosta
    come una ninnananna
    dopo la buonanotte
    l’essere autentico
    diventa un automa obbediente
    se ti nascondi dietro il discorso non tuo
    nessuno ti vedrà
    come quelle facce che si evitano per strada
    per non essere viste
    eppure qualcosa passa ugualmente attraverso le barriere
    perchè la piccola bimba
    è stanca della prigione
    e cerca l’aria aperta
    la vita

  8. Cara dolce anima..ora in particolar modo sento l’ anima..la mia vita si è fermata..ora seduta in riva alla mia anima..osservo la vita che corre veloce..felice ti sembrerà strano di questa sosta…
    Ora sento ogni attimo..ogni giorno è una vita intera..che strane emozioni..
    rido..sono ironica….sorpresa di non aver modificato il mio modo di essere..non è poco…
    un bacio poetessa…

  9. Ciao Fly…
    Ogni volta che passo da te mi scuoti nell’animo.
    E’ proprio vero ciò che scrivi, anche il Cuore è un insieme di molecole, molecole composte da atomi…
    eppure, la cosa che mi sconvolge i pensieri è il come sia possibile che molecole unite in organi… in materia ed energia portino noi esseri umani a generare dentro noi il passaggio tra materia e coscienza…dove i pensieri e le emozioni non sono elementi tangibili…perché l’anima non la puoi toccare, la puoi solo sentire nel profondo della tua coscienza…
    questo è il meraviglioso mistero che avvolge la nostra vita e ci accompagna tenendoci per mano senza mai svelarci la verità…
    Complimenti Fly
    Un abbraccio…a presto

  10. “…Voglio solo l’Anima…” capisco l’amarezza che spesso si prova, troppo spesso si trova, in questo continuo consumar anime e persone come tutti fossero intercambiabili, come ci fosse una “scadenza” come sull’etichetta del l’involucro che ci contiene.
    Gli involucri, l’apparenza che appaga temporaneamente, il consumarsi per poi buttarsi via è profondamente amaro, ingiusto, umiliante.
    Ma io, Fly, ci credo ancora che si possa liberamente appartenersi, in rari casi, forse, oltre il capriccio dell’istante, quando la consaguinità dell’anima è il collante che lega ancor piu’ ed in un modo speciale anche i corpi. Va oltre le difficoltà, oltre la soddisfazione immanente, è il bisogno di cercarsi come si ha bisogno di cercare se stessi finchè c’è coscienza.
    E tutto il resto, le vetrine colorate, le personalità luccicanti, attrattive e seducenti restano appunto al di là del vetro. Involucri non anime abbracciate.
    Un bacio, Fly, grazie di essere accanto alle mie parole così spesso.
    Qui trovo tepore e luce, ogni volta per la mia anima.
    Paola

  11. Le tue parole rispecchiano molti dei miei pensieri… forse in fondo siamo tutti quanti alla ricerca di un’anima… una in particolare, a volte… o altre volte magari solo un’anima qualsiasi, purché sia un’anima che si trovi sulla nostra lunghezza d’onda… E un mondo in cui non ci si guarda direttamente negli occhi diventa per assurdo il mondo in cui forse più lasciamo vagare le nostre anime… Ma perché permettiamo alla paura di paralizzarci fino a questo punto, mi domando? E’ davvero meglio vivere in un mondo in cui le relazioni sono protette da un involucro asettico, da uno schermo di vetro? Sarà che se non tocco una mano, sento l’anima solo a metà… ma preferisco il mondo reale.

    Un saluto e un abbraccio
    Laura

  12. Le tue parole rispecchiano molti dei miei pensieri… forse in fondo siamo tutti quanti alla ricerca di un’anima… una in particolare, a volte… o altre volte magari solo un’anima qualsiasi, purché sia un’anima che si trovi sulla nostra lunghezza d’onda… E un mondo in cui non ci si guarda direttamente negli occhi diventa per assurdo il mondo in cui forse più lasciamo vagare le nostre anime… Ma perché permettiamo alla paura di paralizzarci fino a questo punto, mi domando? E’ davvero meglio vivere in un mondo in cui le relazioni sono protette da un involucro asettico, da uno schermo di vetro? Sarà che se non tocco una mano, sento l’anima solo a metà… ma preferisco il mondo reale.

    Un saluto e un abbraccio
    Laura

  13. Le cose belle, sono vissute con emozioni irripetibil, inimitabili, ma quelle tristi le possiamo sempre raccontare, anche se è vero che qualche volta mi piacerebbe scrivere parlando di cose puramente felici. La ridondanza ha bisogno di sorprese per generare nuova aria da respirare.

Lascia un commento