Cieca

Birds_Without_Wings_by_ennil.jpg

Non ho occhi

per capire

il tuo disegno:

dai e togli

falci e germogli

uccidi e sfami

rigetti e accogli.

Morte e resurrezione

hanno lo stesso volto

che non vedo.

Sono nelle tue mani

io a Te mi affido.

Abbi pietà

della mia cecità

che mi fa dubitare di Te.

Custodiscimi

nella fede

che sia luce

dopo le tenebre,

così sia…

  

E’ così difficile accettare che è nella morte che si prepara la nuova vita…

Buon Pasqua a tutti…

 

Ciecaultima modifica: 2009-04-10T15:00:00+02:00da darumafly
Reposta per primo quest’articolo

26 pensieri su “Cieca

  1. Molto difficile da accettare … tanti perchè ma poche risposte e spesso non esaustive … solo confidando nella Fede si riesce a trovare un pò di conforto per l’anima.

    Auguri Fly per questa Pasqua un pò triste con la speranza che possa essere una rinascita specialmente per i terremotati abruzzesi.

  2. La nostra Fede viene spesso messa alla prova… il riuscire a sentire quanto tutto gira contro è difficile ma non impossibile… se ci affidiamo nelle sue mani Lui saprà sempre come farsi sentire… basta ascoltarlo con il cuore…
    La vita è un viaggio troppo breve… saliamo su questo treno ma prima o poi dobbiamo scendere…
    Buona Pasqua Cara Fly… buona Pasqua…cara amica…
    Anto…

  3. La nostra Fede viene spesso messa alla prova… il riuscire a sentire quanto tutto gira contro è difficile ma non impossibile… se ci affidiamo nelle sue mani Lui saprà sempre come farsi sentire… basta ascoltarlo con il cuore…
    La vita è un viaggio troppo breve… saliamo su questo treno ma prima o poi dobbiamo scendere…
    Buona Pasqua Cara Fly… buona Pasqua…cara amica…
    Anto…

  4. L’accettazione è la fase più difficile da superare, credo. Molto più del senso di perdita, molto più del dolore… perché fino a quando non si riesce ad accettare, non si riesce ad elaborare la sofferenza, e non si è pronti a guarire le ferite che comporta un distacco di questo genere.

    Un abbraccio, cara Fly… e buona Pasqua anche a te
    Laura

  5. Dalla morte nasce la vita, il paradosso della fede. Sono giorni terribili in cui cerco di soffermarmi poco a pensare. Vorrei almeno che questa PAsqua portasse uno spirito nuovo in questo Paese.
    Buona Pasqua!

    Trovo il tuo blog molto carino, ci regaliamo, come sorpresa nell’uovo, uno scambio di link?

  6. potesse la cieca fede trasformarsi in fiducia
    il dubbio svanirebbe in quanto illusione del pensiero
    la vita sarebbe una misteriosa avventura
    un passaggio attraverso la materia e il tempo
    da godere pienamente

    solo chi vive pienamente la vita
    può vivere pienamente la morte

    colei che ciecamente chiede pietà
    aspira a un perdono che solo lei può sentire per sè
    il senso di colpa diventa insopportabile
    retaggio di parole imparate
    e di natura negata
    quando la sana paura di morire
    diventa paura di vivere
    e la piccola bimba rinuncia al piacere di correre

    arrendersi al tutto
    è un atto di tragica rinuncia di vivere
    o di gioiosa fiducia di vivere
    differenza di sfumature non indifferente
    tra il mendicante che si lamenta della vita
    nel chiedere al disegnatore di cambiare il suo disegno
    e il danzatore che celebra in festa
    nonostante entrambi i disegni siano opere d’arte inestimabili
    il primo continuerà a sentirsi in colpa per il suo non vivere
    il secondo avrà una coscienza leggera come il suo cuore

    è ora che fly perdoni fly
    fly può amarsi

  7. E’ incomprensibile per il singolo e necessario per il disegno che va oltre noi singoli, ed accettabile solo nella Fede, quando si riesce a coglierla….o in una forma di modestia che ci fa piccole particelle nel disegno smisurato della natura.
    Auguri ed un abbraccio caldo e sincero, cara splendida Fly

  8. Oggi la storia è stata scaraventata in un attimo
    dentro la luce del senso
    là dove la vita non muore più
    e la poesia intrattiene gli invitati
    con la sinfonia in do +…
    A quanti ho conosciuto lungo il mio cammino
    e a tutti coloro che senza bussare entrano nel mia casa
    l’augurio di vivere l’esperienza della Pasqua!

  9. Non so perché, Fly, ma sentivo che un giorno avresti scritto un pensiero così.
    Ci sono momenti in cui gli interrogativi sulla nostra esistenza
    arrivano a un apice di profonda riflessione
    e ci si chiede perché,
    perché la contrapposizione del sacrificio umano
    e della spiritualità annebbiano i confini dell’esistenza.
    Da un lato ci si sente parte di un disegno divino,
    dall’altro si vive in modo tangibile la vulnerabiltà della vita terrena.
    E allora, come hai rappresentato tu con i tuoi occhi bendati,
    ti accorgi che non sono più gli occhi a dare l’immagine di qualcosa di visibile,
    ma l’anima, che non è abituata a “vedere”, sente,
    sente il peso del non essere in grado di dare risposte.
    Perché oltre un certo punto, non siamo in grado di andare.
    C’è solo la fede, in cui ci sentiamo custoditi.
    Mi hai toccato il cuore…Fly con una estrema delicatezza,
    con la compostezza che fa di te
    una persona con un anima che si muove in punta di piedi,
    nel rispetto del silenzio, del tuo cuore.
    Ti abbraccio forte.
    con affetto.
    Apriticuore

  10. Ciao Flay arrivo qui dal blog di dolce cuore ho letto i tuoi post e mi ha colpito il tuo modo di scrivere,domande,pensieri che ti accomunano a me.
    Ti lascio il mio piccolo saluto e tornero’a trovarti. Piacere Flay di averti incontrata.

Lascia un commento