Labirinti… l’arte per uscirne…

 

Eccomi a scrivere per tentare di evadere dal mio labirinto… in cui mi sento relegata un po’ con le mie mani… un po’ dalla vita… e un po’ da un non so che, contro cui non riesco a combattere…

Vi propongo 3 versioni dallo stesso incipit…”labirinti… l’arte per uscirne…” spero di non annoiarvi troppo… scegliete quella che preferite…

 

IMG_1991.JPG

Dedalo di croci

poste ad angolo retto

come vie anonime

di città disadorne

 

questa è la mia anima

martoriata dal mondo

foresta di vita antropica

clandestina in patria.

 

Quale labirinto peggiore

quello noto  e navigato

quello tutto uguale

quello senza uscita.

 

Solo l’estremo sacrificio

o il volo dell’estro

possono trovarmi viva

e colorare d’arte Il cielo.

 

 

 

 

 

Pecoraro_labyrinth_22b_labyrinths.jpg

 

Cammino ad occhi chiusi

in questo dedalo mentale

di croci senza via

e di vie senza croci.

 

Come un Minotauro

Mi divoro di mostruosità

parimenti umana e divina

immemore del nuovo sole.

 

Lavo il cielo strisciando il suolo

Ingoio la terra, scavando le unghie

M’occulto nel buio dell’utero

Succhiando sangue dal filo di vita.

 

Senza parola, sono qui, ora

Creo il mio corpo e la mia arte.

Anima errante, incarna il tuo genio

Tradisci o redimi il coro del mondo

con la tua sola

…VOCE…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5c90a2b13ded5cd1d5459a479366d340.jpg

 

Mi spoglio di cieli apocrifi

come di vesti sudice

Danzo nuda nel vento

al canto delle Marmore.

Si animano spiriti estinti

lambiti  da pelle nuova.

Muovo sinuose sinapsi

asfittiche  in crani vuoti.

Sperpero il mio genio

petali di rosa sparsi

sulla via del Santissimo

orazione d’ibernata fede.

Squarcio invalicabili pareti

di  ciechi vicoli d’amianto

con l’erculea forza

d’un battito  di falena.

Evado dal labirinto

e dalle sue lusinghe

con mani da pianista

e tela avida di colori.

Scolpisco la vita nella carne

con labbra gonfie di neve

e una spina di rosa bianca 

appuntata sul cuore… 

Labirinti… l’arte per uscirne…ultima modifica: 2009-06-13T16:14:00+02:00da darumafly
Reposta per primo quest’articolo

20 pensieri su “Labirinti… l’arte per uscirne…

  1. Sono tutte e tre belle e la stessa sofferenza vista da angolazioni diverse ma che esprimono lo stesso malessere, per la mia semplicità e il mio modo di essere, preferisco la prima perchè si ispira alla reale quotidianità e potrebbe calzarmi a pennello.

    Un saluto Fly e buona serata.

  2. Mi sorprende di te una cosa, Fly..
    Atomi che dovrebbero muoversi privi di coscienza
    permettono alla tua mente di entrare in rapporto
    con la totalità del tuo pensiero… della tua sensibilità
    Avvolta nella danza dei tuoi stati d’animo
    e nella silenziosa melodia delle tue parole riesci a trasmettere
    la comprensione di te.
    Non è esplicita, non è sbandierata, raggiunge semplicemente l’anima.
    Perché tu, Fly, sai… tu sai davvero cos’è un volo dell’anima.
    Ogni volta che il cielo lo guardi dalla terra, come in questa immagine
    dove ne scorgi la libertà da dentro il labirinto…
    come quel giorno che il cielo lo vedevi da dentro un cratere…
    Ogni volta che il cielo lo rappresenti così…
    sento che quel volo è come impedito da qualcosa che trattiene
    la legge della tua natura…
    Un desiderio di libertà interiore…
    Rappresentare questo desiderio in tre trame…
    Il fluire straordinario in questa prigionia apparente
    non mi porta a orientarmi verso uno solo,
    sarebbe indecoroso verso gli altri due “labirinti”…
    Li considero paritetici nel mio tentativo di comprenderli…
    unitamente agli altri cinque, sei o dieci labirinti che avresti narrato
    riunendoli in un unico comune disegno…
    che Oltre al corpo… oltre la mente…
    ti restituisca la libertà nell’intimità dell’anima…
    Sei meravigliosa, Fly
    semplicemente meravigliosa…
    Un bacio, cara.
    Ti auguro una serena serata.
    Con stima e ammirazione.
    Apriticuore

  3. l’intuizione mi dice
    che non puoi cercare la libertà interiore
    sperando che questa risolva i tuoi problemi
    verrà quando riuscirai a dissolvere i problemi
    non a risolverli

    tutti e 3 i passaggi mi sembrano un po’ costruiti
    non ci credi nemmeno tu
    come da introduzione
    e questo è un fatto bellissimo
    è lì la vera poesia
    lì puoi cercare
    cosa si nasconde dietro quelle righe iniziali
    3 punti, 3 domande, il labirinto
    oppure gettare via tutto
    e vederti con occhi nuovi
    cosa c’è di più artistico che reinventarsi?

  4. Difficile riuscire a scegliere un pezzo.. quando tutti e tre presentano aspetti diversi e profondi del labirinto.. che alla fine è sempre un labirinto interiore…
    Ma le immagini del terzo pezzo sono quelle che più mi hanno colpito.. colme di sofferenza e di purezza allo stesso tempo…
    Grazie mille cara per quello che scrivi sul mio blog.. per i tuoi auguri splendidi… anche per me leggerti è sempre una scoperta che solletica l’anima…
    un abbraccio e un bacio
    Daniel

  5. il primo… il primo… il primo… originale e sentito credo sia il “deus ex machina” degli altri.. .a volte certe architettire riescono a tagliare la realtà come un lama impazzita.. ferocemente saggia.. a volte incosciente… ma, se la tua anima vacilla, è solo perchè è bella! Falla volare oltre!
    kiss

  6. Ciao Fly…
    Ero passato e poi ripassato…
    Ma ora che sono di nuovo qui..
    C’è un silenzio che nella mia mente è assordante.
    Non farmi preoccupare, Fly…
    Non ti percepisco, non so, è una sensazione strana,
    sono in fondo in fondo,
    davanti a un monitor..
    ci dovrebbe essere sempre comunque silenzio
    ma non questo, di silenzio..
    Io mi sento sereno anche con un solo “ciao”,
    anche qui da te, lo vengo poi a rileggere,
    Ti prego..
    Ti lascio un bacio grande e una carezza sul tuo cuore.
    con affetto.

Lascia un commento