Impressioni

nympheas-monet.jpg

IMPRESSIONI

 

Di soli sguardi

le parole  evocate

un quadro di Monet

impressioni cercate.

 

Non ricordo

Il profumo della tua pelle.

Non esisteva il tempo

per fissare un senso alle stelle.

 

Amo il pensiero

che rimane delle viole

tra le mani  corolle sottili

bagnate di giorno dal sole

 

Cosa resta

di un giorno senz’ore

l’essenza del seme di grano  

che sfama e muore…

 

e le impressioni cercate…

sole…

Impressioniultima modifica: 2009-11-15T09:57:00+01:00da darumafly
Reposta per primo quest’articolo

19 pensieri su “Impressioni

  1. Tu sei l’unica, tesoro…
    che immagino mettere i propri pensieri…
    e non sulla tastiera…
    ma su un foglio di carta..
    uno di quei fogli di cui in una bella cartoleria
    ne hai scelto la fibra…
    il colore… il senso ruvido o liscio…
    Anche se dovesse essere solo frutto della mia fantasia
    lasciamelo pensare, Fly..
    E mi immagino questi fogli con i tuoi pensieri..
    una calligrafia tondeggiante ma leggera..
    momenti di una penna, che segue i tuoi meravigliosi
    momenti di ispirazione e inizia a prendere forma,
    facendo seguire momenti ad altri momenti di Te.
    Io vedo che ogni volta che la tua espressione mi raggiunge
    attraverso il fluire delle tue parole,
    stacco un biglietto per viaggiare nel tuo universo…
    che non pone un limite alle tue “impressioni”…
    Impressioni che adesso coincidono con un pensiero
    che hai nominato proprio così…
    E queste impressioni sono…sono così delicate
    così fragili tra le tue dita che tu stessa hai quasi timore di sciupare…
    e dopo che “l’essenza del seme di grano…
    e le impressioni cercate… rimangono sole…
    Richiudi il cappuccio della tua stilografica…
    e posandola… parallela accanto al foglio…
    lasci asciugare le ultime parole perché vedi ancora
    il “lucido” della china ancora non assorbita..
    e soffiando per asciugare le ultime lettere…
    riguardi il foglio.. e con un cenno a un sorriso..
    dici tra te e te… si…è come la vedevo nel mio cuore.
    Ora.. la posso donare.. ai miei amici..
    Loro, lo so… mi aspettano…
    Si, Fly… esattamente come faccio io…
    Meravigliosa..
    Un bacio, cara…
    Ti voglio bene…
    CUore

  2. Le tue parole sembrano affiancarsi delicatamente a quest’opera di Monet.
    Come questo stagno sembrano ferme immobili con le loro rime
    eppure sotto e sopra la superfice pullulano di vita.

    PS: non sono il bello addormentato, ma le giovani che spesso s’ingannano
    affidandosi a chi con un fare ammirevole, ma vuoto nell’essenza
    ruba loro le speranze dei primi amori.

  3. …La porta dell’universo delle sensazioni è così schiusa. Dell’interpretazione spirituale del nostro vissuto, scevro da sensazioni fisiche, tattili…limitate. E lo spazio aperto di filtri attraverso i quali poi acquisisci il tuo tempo è pronto per essere percorso, osservato, vissuto sino a farne la tua dimora perenne, costante. Attraverso esso parli e rappresenti, e tutto va al di là del tangibile perché oltre ogni immaginazione possibile è resa attraverso lui. E poi lui sei proprio tu, luogo spirituale e metaforico, interpretativo e interiorizzante. Ogni attimo anche i più fuggenti non sfuggono alla coltura di quel luogo ameno e lussureggiante di te. Non un filo d’erba non una zolla è eccessiva o mancante…perché ogni cosa, ogni collocazione, ogni frutto, qualsiasi frutto…è ciò che deve essere per rappresentarti sinceramente e fedelmente in tutta la possibile esistente profondità. Nessuno può comprenderne bene i risvolti se non tu, si potrebbe ardire a pallidi tentativi ma l’essenza di certo essere che si legge attraverso quel…’luogo ameno’ è resa e possibilmente resa solo e semplicemente da te…unica fonte. Ogni parola, dunque, utilizzata per rappresentare, ogni verbo coniugato per descrivere, finanche i sospiri ‘letti’ e non scritti…sono provenienti da quel fantastico luogo dell’interpretazione di te…che sei tu…e che solo tu puoi rendere al mondo ed ai suoi abitanti…alle orecchie attente e sagaci…ai cuori osservatori e spirituali…alle menti pronte e recettive…quando possibile…se è voluto…
    Ti abbraccio…

Lascia un commento