Prigioniera

so_tired.jpg

Prigioniera.

 

Prigioniera attendo la libertà

come un’apocalisse giunta

la sera aspetta il suo mattino.

Cammino sonnambula  le ore della notte

il palmo freddo  allontana l’orizzonte nero.

Ho visto l’ultima foglia acrobata

dondolare  come una culla

tra le braccia di legno  nude.

Incroci  d’ aste scure sul Golgota

arrestano lacrime piovute dall’alto:

La vita è ora  nascosta alla terra.

Una goccia striscia disperata

il giallo estremo del lobo smerlato

coesa a floemi avvizziti e zone glabre

Incarcera nel suo cuore d’acqua

 un riflesso di luna capovolto

la sua caduta,  libera la luce delle tenebre

Potresti non essere mai stato

 prigioniero

se non conosci la morte.

Prigionieraultima modifica: 2009-11-28T21:11:00+01:00da darumafly
Reposta per primo quest’articolo

21 pensieri su “Prigioniera

  1. Cara,
    qui secondo me hai toccato gli apici della tua poetica emotiva.
    C’è dolore e ansia, ma anche consapevolezza del tempo che passa e leviga ogni cosa.
    Grazie per la tua saggezza emotiva che risplende di magnifica umanità.
    Un forte abbraccio
    Daniel

  2. Senza mezzi termini: perchè non provi a pubblicare?
    Scrivi cose per nulla banali, scrivi con ricercatezza, scrivi molto, molto bene, scrivi con intelligenza emotiva.
    Questa poesia è una summa di quello che ho appena detto.
    Prova. Leggerti mi emoziona.
    Grazie per aver colto l’essenza della mia poesia Ikebana di giorni.
    Grazie perchè in quello scritto c’ero come poche volte dentro al blog.
    Il blog per me non è forse il luogo ideale dell’espressione.
    Tu mi hai letta anche altrove e sai bene che la forza che metto nelle mie parole, il graffio, la grinta, l’emozione, il dolore, la capacità di trovare risorsa dove non appare sono molto più intense nelle mie poesie in raccolta che in quelle che ho pubblicato nel blog.
    Tu te ne sei accorta.
    Sentire le variazioni e le vibrazioni della poetica di un’altra persona è sintomo che la poesia non solo non ci è estranea, ma ci appartiene, perciò ti rinnovo l’invito: prova.
    Cristiana

  3. ……… ) ` – . . ‘ `(
    …….. / . . . .` . .
    …….. |. . . . . |. . .|
    ……… . . . ./ . ./
    ……….. `=( /.=`
    …………. `-;`.-‘
    …………… `)|
    ……………. || _.-‘|
    …………. ,_|| _.,/
    ……. , ….. || .’
    ……. | | ,. ||/
    …. ,..` | /|.,|Y,
    …. ‘-…’-._..||/
    …….. >_.-`Y|
    ……………,_||
    ……………. ||
    …………….. ||
    …………….. ||
    …………….. |/

    buona sera! inviare saluti … Renci …

  4. Ciao carissima Fly, passo dopo tanto tempo ma credimi, non mi sono dimenticata di te. Sto sperimentando la prigionia della vita, una specie di recinzione in cui, tutto sommato, non mi dispiace stare. E guardare al di là delle sbarre mi spinge a sperimentare nuovi mondi, a sognarli e renderli vivi. Sto sperimentando una libertà nella prigione, insomma.
    Ti lascio il mio grande abbraccio sperando che dietro alle tue parole così vive e toccanti si nasconda un mondo di libertà.

  5. Anche tu scrivi versi preziosissimi, in cui un tocco leggiadro di tristezza avvolge, come una veste intessuta di luce e di seta al contempo, le tue verginali emozioni… Non mi associo a chi ti esorta a pubblicare, “carmina non dant, sed requirunt panem”, ma certamente le tue liriche sono degne d’ogni considerazione. Fattelo dire con estrema sincerità…

  6. ….Incarcera nel suo cuore d’acqua un riflesso di luna capovolto la sua caduta,…
    E’ forse… anzi ne sono certo… il passaggio più vibrante che io abbia mai letto tra le tue parole..
    Ho capito che tu non sei un talento..
    tu sei energia..
    che quando è latente, vive tra milioni di persone la propria vita..
    poi… poi affiorano in superficie, chissà da quale profondità…
    chissà dopo quanto tempo di risalita… queste emozioni così forti..
    così vibranti.. così incontenibili..
    da rimanere incantato da tanta bellezza,
    nell’ammirare i ricami graziati ed eleganti delle tue parole.
    …”Prigioniera”…
    pensa che paradosso, Fly.. una parola che l’opposto… di “libera”..
    ma che con attenzione, confronto.. e più in profondità.. percepisco..
    Certo.. è solo un post.. dal titolo.. Prigioniera..
    non è una prigionia legata alla tua vita…
    la vivo come una prigionia all’interno dell’anima…
    e solo tu… sei così capace di esprimerla in libertà
    in un modo che mi affascina…
    Quel giorno che ti dedicai un post.. ero all’apice
    di questa sensazione..
    così straordinariamente narrata…
    così leggera… nonstante i pesi che in certi momenti…
    si aggrappano alle tue ali per impedirti di volare…
    Ma tu sei più forte… perché sono le tue ali ad essere forti…
    e voli… voli sempre…
    Prigioniera della tua libertà…
    ma libera… nella tua Prigionia..
    Un abbraccio, cara.
    Ti auguro una serena giornata.
    Un bacio.
    Cuore

  7. Emblematica quella ‘terra’ dai profili umani, dai lineamenti fisici di chi sente e acquisisce…divenendo…
    trasformazioni di una terra lavorata dal tempo ed il cui umus arricchito, la grava di certa consapevolezza, che addomestica il selvatico nell’equilibrio del cammino e che inselvatichisce l’imborghesito conscio della pochezza di aree attraversate dalla mancanza di vita…della ripetitività e povertà di spirito. Quella stessa terra…vive…genera…si trasforma…attraverso quella mirabolante caduta strisciante di quella fantomatica quanto anch’essa umanizzata goccia…particella infinitesimale di un tutt’uno congruo…espressione di esplosioni di luce….portatrice di profondi cambiamenti e necessarie degenerazioni…e sguardi attenti al circostanziale…e decisioni da prendere sul vissuto…e pianificazioni possibili interpretate e disegnate dallo spirito…e quella stessa terra, a cui la vita era nascosta…prende vita. Un’integrazione…abbracci mistici…fusioni ideali…scambi simbiotici…acquisizioni di linfa…e la terra riceve vita. Luce per vedere. Occhi per saggiare. Prospettive per crescere. Le zolle quindi inumidite si lasciano lavorare, ammorbidiscono le resistenze, il solco viene tracciato per una semina specifica…di sogno…libertà dell’essere…voli siderali…universi curvi…e prepotente il seme produce…moltiplica…esautora la morte…che abdica in totale favore di una vita pulsante di vita…anche se ora non scorta…impossibile da ‘vedere’ ma ‘sentita’ con violenza e determinazione.

    …forte…veramente forte passione in questo scritto….rischio…scrivendone…di rompere i tasti…

    ….perché vita ci sia…

  8. decontestualizzando…ribadisco che naturalmente…non appena il ‘cambiamento’ ci sarà…ti avviserò in forma privata del nuovo link…cambiamento che avviene solo per un nuovo link…non per stravolgimenti sulla grafica o altro, che sarà pressoché identica….a presto fly…

Lascia un commento